A Review of Altaroma

Cari lettori,
ormai eccoci, come di consueto, con il nostro appuntamento delle review. Oggi vogliamo proporvi le immagini dei più importanti brand di Alta Moda che hanno calcato le passerelle romane.
Iniziamo subito!

Sarli
Alberto Terranova ha realizzato una collezione ispirata alle ceramiche di Caltagirone (di cui io personalmente sono innamorata) reinterpretando lo stile sartoriale senza tempo tipico di Sarli. Abiti di shantung di seta che prendono corpo attraverso i volumi, diventando quasi sculture; le organze sovrapposte e ricami ad intarsio, preziosi jais e applicazioni di swarovski prendono vita attraverso i colori brillanti della Sicilia. L'arancio degli agrumi, il cioccolato modicano, il blu del mare di Taormina, il giallo del sole e l'immancabile bianco Sarli. La puntualità e la precisione dei tagli geometrici, uniti alla naturalità dei tessuti e dei materiali esaltano le grandi radici sartoriali.


Gattinoni
Guillermo Mariotto, Direttore creativo di Gattinoni, reinventa la tradizione con l'aiuto della tecnologia. Si è servito di programmi di ultimissima generazione per rielaborare abiti della tradizione riuscendo ad ottenere un effetto 4D. Il risultato? Ecco jumpsuit in 4D, tagliati sul tulle e lavorati su più strati di pizzo, camicie in satin o organza tridimensionali, tessuti in filigrana con paillettes irisées per creare effetti luminescenti, imbottitture 
stravolte, ridisegnate, ricamatissime con cristalli, ton sur ton, micro organze che rielaborano ideali chiusure, gonne e pantaloni con baschina per creare effetti prospettici. I colori black and white si contrappongono ai più luminosi arancio e corallo. Irrompe nella sfilata un bikini gioiello realizzato da Gianni De Benedittis, designer del brand "futuroRemoto".



Renato Balestra
Magico, intramontabile e fonte d'ispirazione, il Blu Balestra è protagonista assoluto della collezione di Alta Moda Primavera Estate 2013. Renato Balestra decide di dedicare tutta la sua collezione al suo colore prediletto, enfatizzandolo a tal punto da voler escludere ogni altro colore ad eccezione del bianco. Altro comune denominatore è il fiordaliso, onnipresente non solo per il colore ma anche per la forma frastagliata dei suoi petali che esalta orli e scollature. Anche qui il sapore dell'Alta Sartoria è presente attraverso i tagli, le forme ed i tessuti finemente ricamati e impreziositi come la tradizione di casa Balestra vuole.



Curiel Couture
Raffaella Curiel si ispira al ritratto di Simonetta Vespucci di Botticelli, percependone non solo la classicità ma anche la bellezza e la femminilità. Da qui nasce la collezione Curiel Couture che vede i classici tailleures gonfiarsi sulle spalle con le giacche avvitate che si appoggiano alle gonne dalle forme strane, ora un po' più larghe, ora un po' più lunghe, tutte diverse l'una dall'altra.
Gli abiti sono freschi, leggeri, svolazzanti e di tutti i colori: dagli azzurri, ai rosa, ai blu ai colori della terra. Non mancano poi i completi da cerimonia eseguiti con impalpabili tessuti fiorati e con quella classicità senza tempo che ha fatto innamorare molte delle first lady italiane e d'oltre oceano.



Nino Lettieri
La sfilata realizzata da Nino Lettieri si ispira ad una particolare pianta della foresta amazzonica: la monstera. Trenta out-fit, tutti rigorosamente realizzati a mano, dalle linee essenziali e fluttuanti che imitano i colori e i movimenti del più grande escosistema al mondo e più ricco di biodiversità.
La Monstera è quindi la vera e propria protagonista di ogni capo, ricamata con grandi paillettes su abiti da sera, sui sandali di raso di seta e sui bijoux realizzati in plexiglass impreziositi da swarovski. Gran finale con la sposa per la quale lo stilista partenopeo ha realizzato una candida e trasparente campana di organza tutta ricamata con un motivo a foglie.


Gianni Molaro
Le donne di Molaro sembrano creature venute da un altro pianeta, vestono con ampie gonne di crinolina e indossano delle "calzature" che si rifanno alla forma delle zanne di elefante.Indossano tute bianche goffrate con volant d'organza e chiffon, oppure tubini rossi o gialli dalle profonde scollature sulla schiena con maniche a violino.
Le zanne sono il filo conduttore di tutta la collezione, le calzature fatte in legno rivestite di pelle arrivano a misurare anche 2 metri e sono alte 25 centimetri, decorano persino le spalline degli abiti da sera con un tessuto rigido di seta.
Molaro racconta un mondo, come solo lui poteva fare, dove gli scolapasta si vestono di swarovski e diventano sfavillanti collier, dove i guanti sono enormi palle di seta, dove la sposa è vestita da un mega-abito di un giallo abbagliante. 



Antonella Rossi
Antonella Rossi affronta un tema importante con questa sfilata: ha cercato di imprimere in ogni singolo capo il libero arbitrio che ogni donna dovrebbe avere, restituendo al sesso femminile la dignità dei diritti umani che non in tutti i paesi vengono rispettati. In particolare si ispira all'Africa ed ai sui meravigliosi colori: il sabbia delle dune del deserto, i rosa dei fenicotteri del Parco Nazionale del Lago Kaguru, l'arancione del sole cocente e le infinite sfumature dei tramonti sull'oceano con le sue sfumature turchese chiaro, verde e blu navy. Il tutto ricamato dalle stesse donne africane. Si coglie anche un'ispirazione anni '20 che vuole fondere le forme e le silhouette della cultura africana con quella nostra.
Degno di nota è che, in occasione della sfilata, è stato presentato il Progetto Donna, fortemente voluto dalla stilista in collaborazione con le principali ambasciatrici africane in Italia atto a promuovere i diritti delle donne.




Permettetemi però una conclusione ironica...condividendo con voi tutti un tweet del profilo fake di Marta Marzotto (che personalmente amo), che mi ha fatto ridere un sacco, anche se chiaramente ciascuno ha una propria opinione sulle proposte di Altaroma, in accordo o meno con l'opinione della Contessa.

xOxO
Martina

Commenti

  1. È ovvio che non ci sono paragoni con le sfilate parigine, ma personalmente Sarli e Balestra propongono sempre vestiti originali e creativi, e comunque chi ama la moda, apprezza e presta attenzione anche a eventi diciamo di minor rilievo come puà essere Altaroma :)

    http://leclatdelamode.blogspot.it/2013/01/guida-allo-shopping-1.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dire che loro forse sono i più raffinati
      un abbraccio M

      Elimina
  2. Risposte
    1. Sì molto belli, alcuni stilisti devo dire mi sono piaciuti meno di altri però.
      un abbraccio M

      Elimina
  3. Ciao cara il secondo abito di balestra è meraviglioso
    Bel foto reportage
    Kiss e buona giornata
    Vendy

    Follow me on:
    the simple life of rich people blog
    Twitter @simpleliferichP
    Instagram @thesimplelifeofrichpeople
    Viddy @thesimplelifeofrichpeople

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì credo che sia uno dei miei preferiti, poi quel blu è stupendo!
      xoxo M

      Elimina
  4. La mia preferita è quella di Gianni Molaro!
    E' fantastica :)

    http://stylestarmjonas.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che non è molto portabile, sicuramente la più artistica, mi ricorda vagamente Lady Gaga, di cui sono perdutamente innamorata per altro...
      xoxo M

      Elimina
  5. hahahahahahahah concordo in pieno con Marta Marzotto !!! hhahahahahah mi hai fatta morire dal ridere !
    Buona giornata !
    EIDESIGN GLAMOUR

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì la mia stessa reazione, devo dire che, forse in modo un po' colorito, ma ci ha azzeccato... io mi sarei aspettata qualcosa in più.
      xoxo M

      Elimina
  6. Davvero stupende queste collezioni! ;D

    Baci,

    Benedetta

    www.daddysneatness.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta ti siano piaciute, un abbraccio M

      Elimina
  7. Ahahah che ridere il tweet della Marzotto!
    Fabiola

    wildflowergirl

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ieri sera, a distanza di ore, ancora ridevo da sola...non ci posso credere che la mente possa partorire simili frasi...però è geniale come paragone, rende l'idea!
      xoxo M

      Elimina
  8. Non ci credo che abbia davvero detto così... ahahahaha comunque io sono stata a vedere Andres Milano e Stella Jean. Stella è stata davvero fantastica.

    http://effecoco.blogspot.it/2013/01/n-new-neon-hat-e-company.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh vabbè non era proprio la Marzotto in persona, però conoscendo il suo caratterino non l'avrà detto ma per la testa ci sarà passato... Devo dire che a me non hanno tantissimo entusiasmato, in fondi si tratta di Alta Moda, se fossero state sfilate prét a porter li avrei menzionati...
      xoxo M

      Elimina
  9. molto belle le sfilate..peccato non esserci stata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, al di la delle sfilate ci sono stati parecchi eventi, alcuni dei quali molto carini a cui valeva la pena andare... magari alla prossima!
      xoxo M

      Elimina
  10. there is so much inspiration, I love the pics!
    this is such an amazing post,
    Hope you're having a great week!
    thanks for sharing!

    I have been following you for a long while now on bloglovin and I adore your style!
    if you like we can follow each other on bloglovin :)
    let me know!
    STYLE DECORUM

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thank you! You make me so happy wiht your comment!Ill' following you for sure!
      xoxo M

      Elimina
  11. Ciao Martina!
    Ahahahah Anche te segui il profilo fake della Marzotto su Twitter!? Ti giuro mi fa morire dalle risate!
    Purtroppo gli stilisti d'alta moda italiani più grandi sfilano a Parigi e a parer mio, sono anche meglio dei francesi!
    Mentre quelli che sfilano a Roma purtroppo vivono di un lustro di epoche passate, fasti e allori di tempi andati e che torneranno molto difficilmente. Comunque non vuol dire che non siano bravi, anzi la Curiel è sempre una delle migliori, così come il nuovo team di Sarli. Sono rimasto piacevolmente colpito dalla collezione di Nino Lettieri, sto meditando un post a riguardo. ;)
    Ciao a presto!
    Alessandro - http://www.thefashioncommentator.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ale adoro i tuoi commenti fatti sempre con cognizione di causa! Concordo in pieno con te tranne che per la Curiel, non so...sarà che la veneravo ma questa collezione non ha superato le mie aspettative. Chi invece mi ha sorpreso è stato Sarli, sublime come sempre e Molaro che si è evoluto in un campo più artistico.
      A presto xoxo M

      Elimina
  12. Io devo dire che ho visto per questioni di tempo e di influenza solo delfrance ribeiro che mi è piaciuto molto, il resto me lo sono perso. Ho fatto una mia serie di considerazioni su altaroma ma concordo con il profilo fake di MM. er ora è ancora così, spero che invece riesca a crescere bene anche per una questione di comodità mia personale LOL!!
    Don't Call Me Fashion Blogger
    Facebook
    Bloglovin'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo Anche io devo concordare, se potessi scegliere (se ne avessi la possibilità) di indossare un capo d'alta moda, mi precipiterei subito da Valentino o da Armani!
      Speriamo che le cose possano cambiare, in fondo la qualità artistica noi italiani ce l'abbiamo!

      Elimina
  13. Ciao, grazie per essere passata sul blog, mi fa piacere seguirci a vicenda, io già lo faccio ;).
    Sarò a milano per la FW, sarebbe un piacere conoscere la tua crew =)

    RispondiElimina
  14. Wonderful share.Thank you.I follow you.If you want to follow me I'll be very happy! ♥
    My fashion blog
    Ceren B.
    http://satinfan.blogspot.com

    Ceren's Fashion Google plus community http://goo.gl/11ONW

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari